“Oronero” e l’amore che ci meritiamo

30 Settembre 2016 – È tornata la voce più potente d’Italia e lo ha fatto con un brano a dir poco spiazzante: Oronero. Questa nuova creazione discografica, apripista del nuovo disco omonimo in uscita il 28 Ottobre, fa riflettere e sorridere. 

Il brano vede protagonista la voce calda e forte di Giorgia in un susseguirsi di emozioni e brividi mentre affronta il difficile tema del rispetto. Il rispetto che molte volte diamo per scontato e ignoriamo, o addirittura lo stesso che pretendiamo senza concedere mai. Saper affrontare una tematica così notevole non è per niente facile e proprio questo brano ci fa capire quanto vitale e fondamentale sia l’attenzione verso di sè e verso l’altro. 

Pregevole è la scelta del titolo: l'”Oro nero” è il petrolio, comunemente conosciuto come preziosissimo e molto costoso. La connotazione data dalla cantautrice è di impatto più profondo: il petrolio, infatti, inquina e viene metaforicamente ricondotto al rapporto ostile tra gli esseri umani, sia nelle relazioni che nei rapporti quotidiani. Così come la natura si disintegra pian piano, anche la comunicazione tra gli uomini si sfascia progressivamente.

Un gesto d’amore urlato dalla voce di una donna che ha sofferto e capito molto dalla vita e ha saputo passarci il suo vissuto in punta di piedi. Dobbiamo imparare a concederci più amore, rispetto, calma e attenzione.

Quale miglior modo, in un tempo storico così contrastato e confuso, se non attraverso una perla come questa. Grazie, immensa Giorgia, per averci aperto ancora il cuore.

Gianluca Stival

(La recensione è coperta da diritto di Copyright)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...